Autunno: bentornati cavolfiori!
Gli orti della nostra regione in autunno proliferano di prodotti sani e genuini, ricchi di vitamine, come ad esempio i cavoli.
Ne esistono diverse varianti autunnali o invernali, e di varia colorazione (bianco, verde, violaceo) e possono essere utilizzati per differenti ricette.
La preparazione più gettonata, però, è sicuramente quella che lo vuole accostato alla pasta, in particolar modo alle orecchiette.
STRASCINATI CON LE CIME, così vengono chiamati a Barletta.

Ingredienti per 4 persone

  • 350 g di orecchiette fresche
  • 1 cavolo di medie dimensioni
  • mollica di pane raffermo
  • olio
  • 2 spicchi d’aglio
  • peperoncino oppure olio santo
  • sale

Preparazione

Pulite il cavolo ricavandone solo le cimette, staccandole dal torsolo. Lavatele con acqua fredda.
Contemporaneamente riempite una grande pentola di acqua. Quando raggiunge l’ebollizione, aggiungete il sale e calate le cimette di cavolfiore ben lavate. Dopo 10 minuti calate nella stessa pentola le orecchiette e fatele cuocere.

orecchiette-cime-2

In una grande padella dal bordo alto mettete abbondante olio, l’aglio e il peperoncino, mettetela sul fuoco, aggiungendovi la mollica di pane e facendoli cuocere a fiamma alta per un paio di minuti.

orecchiette-cime-1

Scolate la pasta con i cavoli e versatela in padella, facendo amalgamare tutto il condimento.

orecchiette-cime-3

P.s.: Spesso viene modificata la ricetta a seconda dei gusti. Per esempio, alla mollica viene sostituito il salamino piccante fatto a dadini oppure vengono aggiunte delle acciughe. Insomma, usando la fantasia, si può apportare qualsiasi tipo di variazione.

orecchiette-cime-4

Buon Appetito!